IntervisteVideo

Protezione dei dati personali, con Costanza Matteuzzi


Nel corso dell’edizione 2023 della rassegna di eventi Politicamente Scorretto, organizzata dal comune di Casalecchio di Reno, il 17 novembre Camilla Massa ha avuto l’occasione di fare alcune domande a Costanza Matteuzzi, avvocata esperta in privacy e protezione dei dati personali.


Costanza Matteuzzi è un’avvocata del Foro di Firenze, diplomata presso la Scuola delle Professioni Legali ed esperta di criminalità informatica e tutela della protezione dei dati personali. Selezionata dall’Internet Governance Forum, sotto l’egida dell’ONU, come organizzatore, promotore e relatore dell’evento “Cybersecurity, Blockchain and Protection of PMI”. Inoltre, è membro di: “Board Women4cyber” Capitolo Italiano, (un’associazione no profit per sostenere il ruolo femminile nel dominio cyber), FBA LAB (un’associazione che si occupa di analisi comportamentale forense) e Tsurugi Linux (un progetto open source di distribuzione Linux per acquisizione e analisi forense).

Nel corso dell’intervista, l’avvocata Costanza Matteuzzi tocca temi come la sicurezza online, la dirompente tecnologia Blockchain e il diritto all’oblio, suggerendo le armi da impugnare per difendersi dalle violazioni privacy e il modo per bilanciare il diritto all’oblio con la libertà di cronaca. Ribadisce infine l’importanza di un’adeguata formazione dell’utente su quelli che sono gli strumenti utili a proteggersi dalla massiccia diffusione di informazioni. 

Camilla Massa

(regia e supervisione di Davide Lamandini, con la collaborazione di Valeria Zaffora; in copertina Costanza Matteuzzi)


Questa intervista fa parte dell’edizione 2023 di Politicamente Scorretto.

Ti potrebbero interessare
CulturaInterviste

Rivendicare la propria fragilità, secondo Donatella Di Pietrantonio

Interviste

Nutrire il corpo, la mente, il futuro – Intervista a Valentina Dallari

CulturaInterviste

Riccardo La Barbera ci racconta la sua mostra “Duality”

IntervistePolitica

“In noi non c’è che futuro” – Intervista a Daniele Vacchi