IntervisteVideo

Giovanni Chinnici ci presenta il libro “Trecento giorni di sole”


Nel corso dell’edizione 2023 della rassegna di eventi Politicamente Scorretto, organizzata dal comune di Casalecchio di Reno, il 18 novembre Alice La Morella ha avuto l’occasione di fare alcune domande a Giovanni Chinnici, a seguito della presentazione del suo nuovo romanzo “Trecento giorni di sole”.


Trecento giorni di sole (Mondadori, 2023) è il nuovo romanzo di Giovanni Chinnici: si tratta di una raccolta di ricordi dei pochi giorni vissuti dall’autore con suo padre, il giudice Rocco Chinnici, assassinato dalla mafia il 29 luglio 1983. È la storia di un ragazzo che non ha potuto parlare da uomo a uomo con suo padre.

La sinossi del libro: “Il 29 luglio 1983 un terrificante boato irrompe in casa Chinnici. Giovanni ha diciannove anni e una vita intera davanti. Ma, in quella giornata di sole, una delle trecento di cui gode ogni anno la Sicilia, ancora non sa che dovrà viverla senza quel padre amato, forte e rispettato che risponde al nome di Rocco Chinnici. Ucciso sotto casa con la prima auto-bomba della mafia, il giudice Chinnici, il «maestro» di Falcone e Borsellino, fu colui che alla fine degli anni Settanta capì l’importanza di lavorare affinché le istituzioni riconoscessero l’esistenza del fenomeno mafioso e lo affrontassero con gli strumenti adeguati. Colui che istituì quello che, qualche mese dopo il suo omicidio, divenne noto come il Pool antimafia di Palermo”.

Alice La Morella

(regia di Lorenzo Cotti, supervisione di Lorenzo Bezzi, con la collaborazione di Alexandra Bastari, Benedetta Del Re e Maria Teresa Luordo; in copertina Giovanni Chinnici)


Questa intervista fa parte dell’edizione 2023 di Politicamente Scorretto.

Ti potrebbero interessare
IntervisteVideo

Davide Conte: “politica è realizzare la storia di una comunità”

IntervistePolitica

La persona prima di tutto – Luca De Paoli alle primarie del PD di Castel Maggiore

IntervisteVideo

Giovani, lavoro e Liceo Classico, con Virginio Merola

IntervisteVideo

Insaf Dimassi: un dialogo su diritto di cittadinanza, giovani e donne