EventiMusica

Giovanni Truppi e le “Infinite possibilità per essere finiti”

Giovanni Truppi Bologna

Il 14 aprile ha avuto luogo a Bologna la quinta tappa del tour di Giovanni Truppi, con cui l’artista sta presentando in anteprima in giro per l’Italia il suo nuovo disco Infinite possibilità per essere finiti”, in uscita il 28 aprile.


La città emiliana è un luogo importante per questo album: è proprio al Museo d’Arte Moderna di Bologna (MAMBO), che si trova esposta la copertina, un’opera collettiva ideata dall’artista Aldo Giannotti e alla quale i fan – e non solo – hanno contribuito, disegnando e diventandone parte.

La performance artistica

L’evento si è svolto al Tpo, in cui Truppi è stato accompagnato alla batteria da Marco Buccelli, che ha lavorato alla produzione dell’album insieme a Niccolò Contessa, e dalle artiste del teatro d’ombre di Unterwasser, che hanno reso l’esibizione ancora più speciale.

Infatti, non si è trattato di un semplice concerto, ma di una vera e propria performance artistica, dove le parole, la musica, le immagini, le luci e le ombre si intrecciavano e contaminavano, fino a diventare un tutt’uno.

Durante l’esibizione Truppi ha suonato l’intero disco, compresi i singoli usciti negli ultimi mesi, come La felicità, Moondrone e Alcune considerazioni che hanno confermato le grandi capacità poetica e la profonda saggezza di Truppi.

Tra una canzone e l’altra, ci sono stati dei brevi interludi, in cui il cantante, sempre accompagnato da video e da giochi di ombre, ha fatto diverse riflessioni, criticando la società, egoista, maschilista, indifferente, basata sempre di più su rapporti superficiali e sulla disgregazione delle comunità.

Un tuffo nel passato

Dopo aver finito l’anteprima del nuovo album, acclamato dal pubblico, Giovanni Truppi è tornato sul palco con solo la chitarra elettrica in mano, per suonare tre pezzi classici del suo repertorio: Come una cacca secca, una struggente e commovente Conoscersi in una situazione di difficoltà (feat. Niccolò Fabi) e Tuo padre, mia madre, Lucia, il pezzo con cui ha esordito al Festival di Sanremo nel 2022.

E, mentre il tour si conclude, riguardando i video e le foto dello spettacolo, aspettiamo solo che il nuovo album esca e speriamo di poterlo rivedere presto sul palco, per lasciarci incantare ancora una volta dalla sua arte.

Giovanna Casula

(immagine in copertina Giovanni Truppi da longliverocknroll.it)


Futura 1993 è il primo network creativo gestito da una redazione indipendente. Cerca i nostri contenuti sui magazine partner e seguici su Instagram e Facebook!

Futura 1993
Ti potrebbero interessare
MusicaPodcast

Abbiamo finito i soldi per i festival? Sì! Ci andremo? Ovvio!

CulturaEventi

Un’idea di femminismo – Intervista a Maura Gancitano

EditorialiEventi

Il patriarcato, secondo Maura Gancitano – Le foto di Mattia Belletti

EventiVideo

Il Patriarcato spiegato da Maura Gancitano (Tlon)