fbpx
CinemaCronaca

Golden Globes 2022 – Tutti i vincitori

Golden Globes Il potere del cane

Si conclude la settantanovesima edizione dei Golden Globes. Le coppe di champagne e i discorsi di ringraziamento in mondovisione hanno lasciato spazio a una premiazione a porte chiuse, aggiornata continuamente sul sito.


Trionfano Il potere del cane, West Side Story, Succession e Hacks, niente da fare per Don’t Look Up e Squid Game che però vince con Oh Yeong-su; a Jane Campion la miglior regia; Nicole Kidman nega a Kristen Stewart la gioia del primo Golden Globe e Will Smith porta a casa il premio alla sesta nomination. Torna alla vittoria Hans Zimmer con la colonna sonora di Dune.

A bocca asciutta Sorrentino e Casarosa, le statuette vanno rispettivamente al Giappone con Drive My Car e al favorito Encanto che a sorpresa non vince la Miglior canzone originale a favore di Billie Eilish e Finneas O’Connell con No Time to Die.

Di seguito tutti i vincitori dei Golden Globes 79.

Cinema

Miglior film drammatico

  • Belfast, regia di Kenneth Branagh
  • CODA, regia di Sian Heder
  • Dune, regia di Denis Villeneuve [recensione di Gabriele Cavalleri]
  • Una famiglia vincente – King Richard, regia di Reinaldo Marcus Green
  • Il potere del cane, regia di Jane Campion [recensione di Francesca Fabbri]

Miglior film commedia o musicale

  • Cyrano, regia di joe Wright
  • Don’t Look Up, regia di Adam McKay [recensione di Gabriele Cavalleri]
  • Licorice Pizza, regia di Paul Thomas Anderson
  • Tick, Tick… Boom!, regia di Lin-Manuel Miranda
  • West Side Story, regia di Steven Spielberg

Miglior regista

  • Kenneth Branagh – Belfast
  • Jane Campion – Il potere del cane [recensione di Francesca Fabbri]
  • Maggie Gyllenhaal – The Lost Daughter
  • Steven Spielberg – West Side Story
  • Denis Villeneuve – Dune [recensione di Gabriele Cavalleri]

Migliore attore in un film drammatico

  • Mahershala Ali – Swan Song
  • Javier Bardem – Being the Ricardos
  • Benedict Cumberbatch – Il potere del cane [recensione di Francesca Fabbri]
  • Will Smith – Una famiglia vincente – King Richard
  • Denzel Washington – The Tragedy of Macbeth

Migliore attrice in un film drammatico

  • Jessica Chastain – Gli occhi di Tammy Faye
  • Olivia Colman – The Lost Daughter
  • Lady Gaga – House of Gucci
  • Nicole Kidman – Being the Ricardos
  • Kristen Stewart – Spencer

Migliore attore in un film commedia o musicale

  • Leonardo Di Caprio – Don’t Look Up [recensione di Gabriele Cavalleri]
  • Peter Dinklage – Cyrano
  • Andrew Garfield – Tick, Tick… Boom!
  • Cooper Hoffman – Licorice Pizza
  • Anthony Ramos – Sognando a New York- In the Heights

Migliore attrice in un film commedia o musicale

  • Marion Cotillard – Annette
  • Alana Haim – Licorice Pizza
  • Jennifer Lawrence – Don’t Look Up [recensione di Gabriele Cavalleri]
  • Emma Stone – Crudelia
  • Rachel Zegler – West Side Story

Migliore attore non protagonista

  • Ben Affleck – The Tender Bar
  • Jamie Dornan – Belfast
  • Ciarán Hinds – Belfast
  • Troy Kotsur – CODA
  • Kodi Smit-McPhee – Il potere del cane [recensione di Francesca Fabbri]

Migliore attrice non protagonista

  • Caitríona Balfe – Belfast
  • Ariana DeBose – West Side Story
  • Kirsten Dunst – Il potere del cane [recensione di Francesca Fabbri]
  • Aunjanue Ellis – Una famiglia vincente – King Richard
  • Ruth Negga – Due donne – Passing

Miglior film in lingua straniera

  • Scompartimento n.6 – In viaggio con il destino, regia di Juho Kuosmanen (Finlandia)
  • Drive My Car, regia di Ryūsuke Hamaguchi (Giappone)
  • È stata la mano di Dio, regia di Paolo Sorrentino (Italia) [recensione di Matilde Catelli)
  • Un eroe, regia di Asghar Farhadi (Iran)
  • Madres paralelas, regia di Pedro Almodóvar (Spagna)

Miglior film d’animazione

  • Encanto, regia di Jared Bush e Byron Howard
  • Flee, regia di Jonas Poher Rasmussen
  • Luca, regia di Enrico Casarosa [recensione di Leonardo Bacchelli)
  • My Sunny Maad, regia di Michaela Pavlátová
  • Raya e l’ultimo drago, regia di Don Hall e Carlos López Estrada

Migliore sceneggiatura

  • Paul Thomas Anderson – Licorice Pizza
  • Kenneth Branagh – Belfast
  • Jane Campion – Il potere del cane [recensione di Francesca Fabbri]
  • Adam McKay – Don’t Look Up [recensione di Gabriele Cavalleri]
  • Aaron Sorkin – Being the Ricardos

Migliore colonna sonora originale

  • Alexandre Desplat – The French Dispatch
  • Germaine Franco – Encanto
  • Jonny Greenwood – Il potere del cane [recensione di Francesca Fabbri]
  • Alberto Iglesias – Madres Paralelas
  • Hans Zimmer – Dune [recensione di Gabriele Cavalleri]

Migliore canzone originale

  • Be Alive (Dixson, Beyoncé) – Una famiglia vincente – King Richard
  • Dos Oruguitas (Lin-Manuel Miranda) – Encanto
  • Down to Joy (Van Morrison) – Belfast
  • Here i Am (Singing My Way Home) (Carole King, Jennifer Hudson e Jamie Hartman) – Respect
  • No Time to Die (Billie Eilish, Finneas O’Connell) – No Time to Die

Televisione

Migliore serie drammatica

Migliore attore in una serie drammatica

  • Brian Cox – Succession
  • Lee Jung-jae – Squid Game [recensione di Alessandro Leo, approfondimento di Maddalena Petrini]
  • Billy Porter – Pose
  • Jeremy Strong – Succession
  • Omar Sy – Lupin [recensione di Alessandro Leo]

Miglior attrice in una serie drammatica

  • Uzo Aduba – In Treatment
  • Jennifer Aniston – The Morning Show
  • Christine Baranski – The Good Fight
  • Elisabeth Moss – The Handmaid’s Tale
  • MJ Rodriguez – Pose

Miglior serie commedia o musicale

  • The Great
  • Hacks
  • Only Murders in the Building
  • Reservation Dogs
  • Ted Lasso

Miglior attore in una serie commedia o musicale

  • Anthony Anderson – Black-ish
  • Nicholas Hoult – The Great
  • Steve Martin – Only Murders in the Building
  • Martin Short – Only Murders in the Building
  • Jason Sudeikis – Ted Lasso

Miglior attrice in una serie commedia o musicale

  • Hannah Einbinder – Hacks
  • Elle Fanning – The Great
  • Issa Rae – Insecure
  • Tracee Ellis Ross – Black-ish
  • Jean Smart – Hacks

Miglior miniserie o film televisivo

  • Dopesick – Dichiarazione di dipendenza
  • Impeachment: American Crime Story
  • Maid
  • Omicidio a Easttown
  • La ferrovia sotterranea

Migliore attore in una miniserie o film televisivo

  • Paul Bettany – WandaVision [recensione di Chiara Parma]
  • Oscar Isaac – Scene da un matrimonio
  • Michael Keaton – Dopesick – Dichiarazione di dipendenza
  • Ewan McGregor – Halston
  • Tahar Rahim – The Serpent

Migliore attrice in una miniserie o film televisivo

  • Jessica Chastain – Scene da un matrimonio
  • Cynthia Erivo – Genius
  • Elizabeth Olsen – WandaVision [recensione di Chiara Parma]
  • Margaret Qualley – Maid
  • Kate Winslet – Omicidio a Easttown

Migliore attore non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo

  • Billy Crudup – The Morning Show
  • Kieran Culkin – Succession
  • Mark Duplass – The Morning Show
  • Brett Goldstein – Ted Lasso
  • Oh Yeong-su – Squid Game [recensione di Alessandro Leo, approfondimento di Maddalena Petrini]

Migliore attrice non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo

  • Jennifer Coolidge – The White Lotus
  • Kaitlyn Dever – Dopesick – Dichiarazione di dipendenza
  • Andie MacDowell – Maid
  • Sarah Snook – Succession
  • Hannah Waddingham – Ted Lasso

Alessandro Leo

(In copertina immagine tratta dal film Il potere del canedisponibile su Netflix)

Ti potrebbero interessare
Cronaca

L'aborto negli USA – I diritti umani sono davvero inviolabili?

CinemaCultura

“Bande à part”, di Jean-Luc Godard – 9 minuti e 43 secondi al Louvre

Cinema

“The Lincoln Lawyer” (Avvocato di Difesa) – Cosa aspettarsi?

Cronaca

Azioni e reazioni – Cosa succede dopo il processo Depp-Heard?