CinemaCronaca

Oscar 2021 – Tutti i vincitori

Oscar 2021 Nomadland

Cala il sipario sulla 93esima edizione degli Oscar 2021: sbanca Nomadland, Italia a mani vuote. Di seguito tutti i vincitori.


Punti salienti

  1. Nomadland non delude le attese: conduce la classifica degli Oscar 2021 e si conferma come film dell’anno. Vince Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attrice Protagonista, premio che sembrava già nelle mani di Vanessa Kirby;
  2. Anthony Hopkins vince a sorpresa il Miglior Attore Protagonista, premio che era già considerato di Chadwick Boseman. Ha vinto la miglior interpretazione ma rimane un po’ d’amaro in bocca perché avrebbero meritato più considerazione lo straordinario lavoro fatto da Chadwick in Ma Rainey’s Black Bottom, già di per sé da Oscar, unito alla correttezza di un riconoscimento verso un grande attore che ci ha lasciato troppo presto;
  3. Zero su tre per l’Italia: non vince né Laura Pausini né Pinocchio; comprensibile tranne il Miglior trucco e acconciatura che doveva essere del film di Garrone, una spanna sopra gli altri;
  4. Soul si conferma super protagonista della serata con due premi su tre candidature; il Miglior Sonoro va a Sound of Metal che vince anche il Miglior Montaggio;
  5. Zero su sei per Il Processo ai Chicago 7: incomprensibile. Almeno la sceneggiatura gli andava riconosciuta. Zero su due anche per Borat-Seguito di film cinema che avrebbe meritato più nomination;
  6. Si rifà dai Golden Globes il capolavoro Mank, due premi per Scenografia e Fotografia;
  7. Tenet vince i Migliori Effetti Speciali, premio più che meritato ma ancora non si è capito perché non abbia ricevuto una nomination nel Montaggio e nella Colonna Sonora.
  8. Miglior Canzone Originale a Fight For You tratta da Judas and The Black Messiah che vince anche con Daniel Kaluuya il Miglior Attore Non Protagonista.
  9. Nessuna sorpresa per il Miglior Film Internazionale: vincono Un altro giro (Druk) e la Danimarca.
  10. Un solo premio su sei candidature per Minari, che invece avrebbe meritato molto di più. Vince Yoon Yeo-jeong come Miglior Attrice Non Protagonista.

Di seguito la lista delle nomination e dei vincitori

Miglior film

  • Nomadland, regia di Chloé Zhao
  • The Father – Nulla è come sembra (The Father), regia di Florian Zeller
  • Una donna promettente (Promising Young Woman), regia di Emerald Fennell
  • Judas and the Black Messiah, regia di Shaka King
  • Mank, regia di David Fincher
  • Minari, regia di Lee Isaac Chung
  • Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7), regia di Aaron Sorkin
  • Sound of Metal, regia di Darius Marder

Miglior regista

  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Lee Isaac Chung – Minari
  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • David Fincher – Mank
  • Thomas Vinterberg – Un altro giro (Druk)

Miglior attore protagonista

  • Anthony Hopkins – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Riz Ahmed – Sound of Metal
  • Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Gary Oldman – Mank
  • Steven Yeun – Minari

Miglior attrice protagonista

  • Frances McDormand – Nomadland
  • Viola Davis – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Andra Day – The United States vs. Billie Holiday
  • Vanessa Kirby – Pieces of a Woman
  • Carey Mulligan – Una donna promettente (Promising Young Woman)

Miglior attore non protagonista

  • Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah
  • Sacha Baron Cohen – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Leslie Odom Jr. – Quella notte a Miami… (One Night in Miami…)
  • Paul Raci – Sound of Metal
  • Lakeith Stanfield – Judas and the Black Messiah

Miglior attrice non protagonista

  • Yoon Yeo-jeong – Minari
  • Maria Bakalova – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Glenn Close – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Olivia Colman – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Amanda Seyfried – Mank

Migliore sceneggiatura originale

  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Will Berson e Shaka King, soggetto di Will Berson, Shaka King, Kenny Lucas e Keith Lucas – Judas and the Black Messiah
  • Lee Isaac Chung – Minari
  • Darius Marder e Abraham Marder, soggetto di Darius Marder e Derek Cianfrance – Sound of Metal
  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)

Migliore sceneggiatura non originale

  • Christopher Hampton e Florian Zeller – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Ramin Bahrani – La tigre bianca (The White Tiger)
  • Sacha Baron Cohen, Anthony Hines, Dan Swimer, Peter Baynham, Erica Rivinoja, Dan Mazer, Jena Friedman e Lee Kern, soggetto di Sacha Baron Cohen, Anthony Hines, Dan Swimer e Nina Pedrad – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Kemp Powers – Quella notte a Miami… (One Night in Miami…)
  • Chloé Zhao – Nomadland

Miglior film internazionale

  • Un altro giro (Druk), regia di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau (Romania)
  • The Man Who Sold His Skin, regia di Kaouther Ben Hania (Tunisia)
  • Quo vadis, Aida?, regia di Jasmila Žbanić (Bosnia ed Erzegovina)
  • Shàonián de nǐ, regia di Derek Tsang (Hong Kong)

Miglior film d’animazione

  • Soul, regia di Pete Docter
  • Onward – Oltre la magia (Onward), regia di Dan Scanlon
  • Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria (Over the Moon), regia di Glen Keane
  • Shaun, vita da pecora: Farmageddon – Il film (A Shaun the Sheep Movie: Farmageddon), regia di Will Becher e Richard Phelan
  • Wolfwalkers – Il popolo dei lupi (Wolfwalkers), regia di Tomm Moore e Ross Stewart

Migliore fotografia

  • Erik Messerschmidt – Mank
  • Sean Bobbitt – Judas and the Black Messiah
  • Phedon Papamichael – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Joshua James Richards – Nomadland
  • Dariusz Wolski – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior montaggio

  • Mikkel E. G. Nielsen – Sound of Metal
  • Alan Baumgarten – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Giōrgos Lamprinos – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Frédéric Thoraval – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Chloé Zhao – Nomadland

Migliore scenografia

  • Donald Graham Burt e Jan Pascale – Mank
  • David Crank ed Elizabeth Keenan – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Nathan Crowley e Kathy Lucas – Tenet
  • Peter Francis e Cathy Featherstone – The Father – Nulla è come sembra (The Father)
  • Mark Ricker, Karen O’Hara e Diana Stoughton – Ma Rainey’s Black Bottom

Migliori costumi

  • Ann Roth – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Alexandra Byrne – Emma.
  • Massimo Cantini Parrini – Pinocchio
  • Bina Daigeler – Mulan
  • Trish Summerville – Mank

Miglior trucco e acconciatura

  • Sergio Lopez-Rivera, Mia Neal e Jamika Wilson – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti – Pinocchio
  • Eryn Krueger Mekash, Matthew Mungle e Patricia Dehaney – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Marese Langan, Laura Allen e Claudia Stolze – Emma.
  • Gigi Williams, Kimberley Spiteri e Colleen LaBaff – Mank

Migliori effetti speciali

  • Andrew Jackson, David Lee, Andrew Lockley e Scott Fisher – Tenet
  • Nick Davis, Greg Fisher, Ben Jones e Santiago Colomo Martinez – L’unico e insuperabile Ivan (The One and Only Ivan)
  • Sean Faden, Anders Langlands, Seth Maury e Steve Ingram – Mulan
  • Matthew Kasmir, Christopher Lawrence, Max Solomon e David Watkins – The Midnight Sky
  • Matt Sloan, Genevieve Camilleri, Matt Everitt e Brian Cox – Love and Monsters

Migliore colonna sonora

  • Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste – Soul
  • Terence Blanchard – Da 5 Bloods – Come fratelli (Da 5 Bloods)
  • Emile Mosseri – Minari
  • James Newton Howard – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Trent Reznor e Atticus Ross – Mank

Migliore canzone originale

  • Fight For You (musiche di H.E.R. e Dernst Emile II, testo di H.E.R. e Tiara Thomas) – Judas and the Black Messiah
  • Hear My Voice (musiche di Daniel Pemberton, testo di Daniel Pemberton e Celeste Waite) – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Husavik (musiche e testo di Savan Kotecha, Fat Max Gsus e Rickard Göransson) – Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga (Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga)
  • Io sì (Seen) (musiche di Diane Warren, testo di Diane Warren, Laura Pausini e Niccolò Agliardi) – La vita davanti a sé
  • Speak Now (musiche e testo di Leslie Odom Jr. e Sam Ashworth) – Quella notte a Miami… (One Night in Miami…)

Miglior sonoro

  • Nicolas Becker, Jaime Baksht, Michelle Couttolenc, Carlos Cortés e Phillip Bladh – Sound of Metal
  • Ren Klyce, Coya Elliott e David Parker – Soul
  • Ren Klyce, Jeremy Molod, David Parker, Nathan Nance e Drew Kunin – Mank
  • Warren Shaw, Michael Minkler, Beau Borders e David Wyman – Greyhound – Il nemico invisibile (Greyhound)
  • Oliver Tarney, Mike Prestwood Smith, William Miller e John Pritchett – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior documentario

  • Il mio amico in fondo al mare (My Octopus Teacher), regia di Pippa Ehrlich e James Reed
  • El agente topo, regia di Maite Alberdi
  • Collective (Colectiv), regia di Alexander Nanau
  • Crip Camp: disabilità rivoluzionarie (Crip Camp), regia di Nicole Newnham e Jim LeBrecht
  • Time, regia di Garrett Bradley

Miglior cortometraggio

  • Due estranei (Two Distant Strangers), regia di Travon Free e Martin Desmond Roe
  • Feeling Through, regia di Doug Roland
  • The Letter Room, regia di Elvira Lind
  • The Present, regia di Farah Nabulsi
  • White Eye, regia di Tomer Shushan

Miglior cortometraggio documentario

  • Colette, regia di Anthony Giacchino
  • A Concerto Is a Conversation, regia di Kris Bowers e Ben Proudfoot
  • Do Not Split, regia di Anders Hammer
  • Hunger Ward, regia di Skye Fitzgerald
  • A Love Song for Latasha, regia di Sophia Nahli Allison

Miglior cortometraggio d’animazione

  • Se succede qualcosa, vi voglio bene (If Anything Happens I Love You), regia di Michael Govier e Will McCormack
  • Genius loci, regia di Adrien Mérigeau
  • Já-Fólkið, regia di Gísli Darri Halldórsson
  • Opera, regia di Erick Oh
  • La tana (Burrow), regia di Madeline Sharafian

Premio umanitario Jean Hersholt

  • Tyler Perry
  • Motion Picture & Television Fund

Un’edizione che ha rispettato le attese del giorno prima nonostante le sorprese non siano mancate, nelle categorie attore/attrice protagonista soprattutto ma anche sul Miglior Film perché Nomadland era talmente tanto favorito che avrebbe potuto perdere con un colpo di scena, cosa successa spesso agli Oscar. Dispiace per l’Italia, speriamo di rifarci l’anno prossimo. Una cerimonia bella da seguire e le poche presenze hanno contribuito a creare un’atmosfera di grande intimità; bello ma speriamo di poter vedere il Dolby pieno l’anno prossimo.

Grazie Oscar. È sempre una grande emozione.

Sipario.

Alessandro Leo

Ti potrebbero interessare
Cinema

The Liberator – Oltre 500 giorni tra Italia, Francia e Germania

CronacaMusica

Amici 2021 – Qual è il segreto del successo?

CronacaCultura

Il muro – Dividendo e divisore

CinemaCultura

Il dolore nel cinema – Ciò che non uccide fortifica?