IntervisteVideo

Storia di un Cronista Digitale – Intervista a Massimo Caputi

Massimo Caputi

La voce di chi racconta gli eventi sportivi segnerà per sempre gli appassionati di questo mondo. Giovani Reporter ha avuto l’occasione di intervistare Massimo Caputi, giornalista sportivo conosciuto dai più come telecronista di calcio e in generale protagonista di una carriera molto intensa e variegata.


Oggi ha scelto di esplorare nuovi confini dimostrando spirito di adattamento e passione sconfinata per il suo lavoro: due degli ingredienti che hanno scritto la sua storia e che consiglia caldamente a chi oggi sogna di diventare giornalista.

È nato a Roma e sin da giovane ha iniziato a lavorare per emittenti locali. Nel 1986 è passato a Telemontecarlo, dove ha commentato più di mille partite di calcio dei massimi livelli, sia di club che di Nazionali: Mondiali ed Europei, Serie A, Champions League, Premier League, Liga e Coppa America.

Tra le sue attività più note ci sono sicuramente i nove anni a Quelli che… il Calcio e la conduzione della Domenica Sportiva. Soprattutto i ragazzi nati negli anni ’90 lo ricorderanno anche per la sua telecronaca al videogame FIFA dal 1998 al 2000. La sua carriera non è solo tv e calcio, ma anche radio, giornali e altri sport. In particolare, ha condotto diverse trasmissioni per Radio 105, Radio Capital, RDS e RTL dimostrando una importante trasversalità di competenze e contenuti; armi ancora oggi indispensabili per chi ha il sogno di diventare giornalista. Golf e tennis completano le sue passioni sportive.

Come ci racconta nell’intervista, la principale arma della sua carriera è stata la voce, ma grazie all’esperienza acquisita sul campo e alla voglia di approfondire sempre i vari ambiti della professione è arrivato anche a ricoprire il ruolo di caporedattore della sezione sportiva del Messaggero. Di recente ha lanciato il progetto Cronista Digitale al fine creare un ponte con i giovani che amano questa professione, farli sentire meno soli e dare loro preziosi consigli professionali.

Intervista a cura di Giovanni Palmisano, montaggio di Alessandro Leo

(In copertina Massimo Caputi)

Ti potrebbero interessare
IntervisteMusica

Per la prima volta in gara al Festival di Sanremo – Intervista a Fulminacci

IntervisteMusica

Tra performance art e musica – Intervista a Dodicianni

IntervisteMusica

I rovere non saranno più "disponibili anche in mogano" – Intervista a Nelson

IntervisteVideo

Nel cuore del cinema italiano – Intervista a Enrico Vanzina