fbpx
Mi scusi Professore

Chi ha paura del suo popolo

Popolo 2

Giornali, televisione, social network. Ogni giorno siamo bombardati da informazioni e notizie, molte delle quali non riusciamo a comprendere pienamente. Se solo ci fosse qualcuno, un Professore più sapiente di noi, a cui rivolgere i nostri interrogativi e con cui condividere le nostre riflessioni.

Mi-scusi-Professore

Verso la Casa Bianca

Mi scusi Professore, con tutte le notizie degli ultimi giorni riguardo agli Stati Uniti – dal Coronavirus a Black Lives Matter – non posso che chiedermi chi sarà il nuovo inquilino della Casa Bianca. A novembre, infatti, gli americani saranno chiamati alle urne per decidere tra il repubblicano Donald Trump e il democratico Joe Biden.

Non le sembra, Professore, che le vicende del momento stiano mettendo i bastoni tra le ruote al Presidente Trump? Chi darebbe la guida di uno Stato in mano a un uomo che consiglia di iniettarsi del disinfettante per combattere un virus – un virus per il quale, tra l’altro, la comunità scientifica mondiale non è ancora riuscita a trovare una cura?

Oltre ai pochi punti percentuale a vantaggio di Biden, tuttavia, non ho certezze sul possibile esito di queste elezioni. Per questo, al posto di guardare al futuro, rifletto sul passato. Cosa può avere causato la brusca sterzata che ha portato da otto anni di presidenza Obama a – per il momento – quattro di presidenza Trump?

Non solo in America

Non le sembra, Professore, che ci sia di più delle mere motivazioni politiche e sociali che cercano di spiegare questo cambio così radicale? Da un uomo di colore che marcia in prima fila nelle manifestazioni a uno costretto a nascondersi in un bunker e a proteggere la Casa Bianca con transenne e Guardia Nazionale. Mi permetta questo azzardo, Professore: da un uomo che cammina insieme al suo popolo a uno che ne ha paura.

Cosa è scattato nella testa degli americani, quattro anni fa? Scatterà di nuovo, a novembre? O forse assisteremo a una seconda inversione di marcia? Tuttavia, Professore, forse la mia domanda è un po’ riduttiva. Non dovrei forse chiedermi la stessa cosa degli inglesi di Johnson o degli italiani della Lega? Allora, invece di domandarmi cosa stia succedendo in America, mi domando: cosa sta succedendo al mondo intero?

Clarice Agostini


Chi ha paura del suo popolo è il ventunesimo articolo di Mi scusi Professore, una rubrica di Clarice Agostini.

Ti potrebbero interessare
Mi scusi ProfessorePolitica

Da un palco all'altro

Mi scusi Professore

La fine di Hong Kong

Mi scusi Professore

L'incoerente supremazia umana

Mi scusi Professore

Lo sbiadito arcobaleno polacco