Scienza e tecnologia

Piccole pillole di fisica – Non c’è più tempo

Non c'è più tempo

Moltissime volte nel corso della nostra vita ci viene detto che il tempo è limitato; coloro che lo ribadiscono intendono sempre il tempo della nostra vita, e in effetti tutti almeno una volta abbiamo pensato: “Vivrò lungo un arco di tempo per poi morire, ma di certo il mondo andrà avanti anche senza di me, l’universo continuerà a esistere all’infinito”.

Ebbene, questo ragionamento è sbagliato, o quantomeno inesatto. La definizione di tempo è “Nozione che organizza la mobile continuità di stati in cui si verificano vicende ricollegandole ad una idea di successione o evoluzione“. Partendo da questo presupposto possiamo dire che il tempo stesso è destinato a smettere di esistere.

Un’evoluzione è un qualsiasi avvenimento nell’universo che, tramite il concetto di tempo, può essere descritto in ogni sua fase, e questo vuol dire che quest’ultimo, essendo la nozione che ne organizza la continuità, per esistere ha bisogno proprio di evoluzioni; ognuna di queste, dal cadere di una mela per la forza di gravità alla propulsione di un razzo nell’atmosfera, richiede l’impiego di energia, ossia la grandezza che misura la capacità di un sistema di esprimere un lavoro, energia che, nell’universo conosciuto, è finita.

Quando ogni stella avrà esaurito il suo ciclo vitale, ogni forma di vita per forza di cose si sarà estinta e l’espansione del nostro universo avrà avuto luogo, portando allo stato di morte fredda, in cui l’universo sarà privo della forza di espandersi e del combustibile delle stelle e neppure la forza di gravità sarà in grado di provocare un movimento, il tempo non esisterà più, infatti tutto rimarrà nello stesso stato per sempre. Senza alcuna evoluzione nello spazio, infatti non esiste neanche il tempo.

Molti scienziati e filosofi si stanno ponendo quesiti sempre più complessi sul tema, ma uno in particolare sembra che non potrà mai davvero trovare una risposta: “Se tutte le forme di vita coscienti si estinguessero ma la morte fredda non fosse ancora avvenuta, il tempo, in quanto nozione quindi concetto creato da esseri viventi, esisterebbe?” Quello su cui tutti concordano, però, è che, poiché tutto si trasforma ma nulla di distrugge, se anche l’energia si trasformasse in materia ferma, esisterebbe per sempre, e sempre in fondo è un avverbio temporale.

Tommaso Palmonari

(In copertina noor Younis da Unsplash)


Per approfondire, leggi gli altri articoli della serie Piccole pillole di fisica.

Ti potrebbero interessare
PodcastScienza e tecnologia

Cos’è l’intelligenza artificiale? (con Matteo Massaroli)

CulturaScienza e tecnologia

L’intelligenza artificiale, dalle radici filosofiche alle frontiere del futuro

PodcastScienza e tecnologia

La psicologia dello stress

IntervisteScienza e tecnologia

Il tocco come cura – Intervista a Giulia Marelli e Beatrice Lopolito