Editoriali

Sogni che bruciano

Sogni che bruciano

Il 13 aprile 2019, presso l’auditorium della biblioteca Cesare Pavese – Casa della Conoscenza di Casalecchio di Reno (Bo), si è svolta la presentazione ufficiale di Giovani Reporter, un portale web di informazione e intrattenimento curato da ragazzi under 30. Sono saliti sul palco il fondatore e responsabile Lorenzo Bezzi e il caporedattore Davide Lamandini, insieme a numerosi collaboratori tra cui Iacopo Brini e Francesco Faccioli. L’evento è stato un successo al di sopra di ogni aspettativa, grazie alla calorosa partecipazione del pubblico e anche agli interventi del Sindaco di Casalecchio Massimo Bosso e dell’Assessore alla cultura Fabio Abagnato.

Ma adesso facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire quale sia la storia di Giovani Reporter e come sia arrivato a diventare quello che è, almeno per il momento. La prima bozza – idea fragile e primitiva – è nata nel 2014 da cinque amici che volevano creare sul web uno spazio dove chiunque potesse esprimere la propria opinione e i propri interessi, con lo slogan la prima fonte di informazione dove il giornalista sei tu; ma l’iniziativa non riuscì a decollare, dal momento che nessuno si offrì mai di inviare dei contenuti, e presto la bassa visibilità e il mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati demotivarono i partecipanti stessi.

A distanza di tre anni uno di loro, Lorenzo Bezzi, nonostante gli scarsi risultati ottenuti decise di non arrendersi e convinse gli altri a riprendere in mano il progetto, questa volta in maniera totalmente diversa, e con un’idea molto più ambiziosa e impegnativa: creare un portale in grado di offrire al pubblico i contenuti che solitamente si trovano in diversi mezzi di comunicazione (giornali, radio e tv), tutti insieme su un’unica piattaforma. Per fare questo era necessario applicare una gestione diversa dalla prima esperienza, innanzitutto creando una solida struttura su cui appoggiare l’intera organizzazione. Il primo passo era quello di mettere le fondamenta, e pertanto vennero coinvolti altri tre ragazzi, con l’obiettivo di pubblicare almeno cento articoli per invogliare altri autori ad entrare a far parte di questa grande avventura. Una volta raggiunto questo primo risultato, il passo successivo consisteva nel costruire una buona redazione, capace di produrre un consistente numero di articoli di qualità, e per questo è stato scelto come caporedattore Davide Lamandini, un giovane autore bolognese. Nell’ultimo anno i ragazzi di Giovani Reporter si sono impegnati per raggiungere questo risultato e ci sono riusciti dopo tre mesi di sperimentazione e collaudo. Il primo apprezzamento da parte del pubblico è arrivato grazie ai dieci articoli dedicati al tema della Memoria, in occasione dell’omonima giornata a gennaio 2019. Infine, qualche mese dopo, il grafico Riccardo Armari ha curato un restyling del sito volto a migliorarne le prestazioni e a renderlo più semplice, pulito e intuitivo.

Alla presentazione, oltre a mostrare questi successi, sono stati esposti i progetti in campo per l’anno a venire sul piano audiovisivo e multimediale: In particolare, l’attenzione si è rivolta alla produzione di tre format (“Passione a quattro ruote”, test drive in collaborazione con la concessionaria Maresca & Fiorentino; “Oval Office”, dedicato alla storia dei presidenti degli Stati Uniti; e infine “Beautaly Tv”, alla scoperta delle meraviglie nascoste del nostro paese), all’annuncio delle prossime tre interviste (al radiocronista Francesco Repice; al telecronista Stefano Borghi; e all’artista Paolo Barbieri) e all’anteprima della sezione intrattenimento, gestita da Luca Malservigi. Infine, è intervenuto Lorenzo Gentile, in qualità di portavoce di tutti gli autori residenti fuori Bologna e sparsi sul territorio italiano; e subito dopo i rappresentanti degli enti che collaboreranno con Giovani Reporter: Giacomo Tarsitano per Radio C.A.P. e Giovanni Palmisano per J.P.-Tv.

Questo è quello che siamo riusciti a fare finora. Questo quello che stiamo per fare. Senza fermarci adesso perché abbiamo solo sogni che bruciano, sogni che devono trasformarsi in realtà e non restare chiusi in un anonimo cassetto della memoria.


Il video ufficiale della presentazione:

Presentazione ufficiale di Giovani Reporter, 13 aprile 2019.
Ti potrebbero interessare
CinemaEditoriali

AperiCinema – La nuova rubrica di Alessandro Leo

CulturaEditoriali

3 pensieri sulla Giornata Mondiale contro la Violenza sulle donne

EditorialiPersonale

Per me Giovani Reporter è...? – Editoriale giugno 2020

Editoriali

È solo un fatto umano – Editoriale maggio 2020