Opinione

Il coraggio di avere coraggio

Donne

Per cercare di non parlare sempre delle stesse cose che vengono tirate fuori dall’organico delle banalità durante le festività, penso sia quantomeno più utile fermarci un attimo e, per l’ennesima volta, voltarci indietro a vedere dove siamo arrivate. Dalle Suffragette, dal diritto di voto nel primo – e nel tardo, davvero tardo – Novecento, ad oggi. Siamo state tutte Anne Frank, Marie Curie, Jane Austen, Hannah Arendt, Rosa Luxemburg, Ipazia, Rita Levi Montalcini. Già. Non ci serve un 8 Marzo 2019, che ci ricordi quanto abbiamo lottato per arrivare fino a qui. Ma qui dove?

Mi fermo un secondo. L’adrenalina che mi ha incitata a tessere lodi della nostra forza, della nostra lotta, della nostra storia, svanisce. Mi guardo intorno, e sono in mezzo a chi dice “non ho bisogno di un giorno per festeggiare le donne”, a mimose profumate con un bigliettino accanto che dice “Auguri”. In mezzo a mogli che non possono uscire di casa senza il consenso del loro marito, che “tanto mi dice di sì”. Travolta da inquadrature di attori sexy che sfoggiano il sorriso, e attrici che mostrano il sedere. Investita dalla tremendamente normale sensazione di pericolo quando di sera cammino in una strada deserta e passa un gruppo di uomini che scherzano, magari qualcuno trova pure normale fischiare e fare commenti sui vestiti che indosso. Sono in mezzo a casi di Femminicidio – eh già, si tratta di un omicidio speciale, tutto per noi – che vengono giustificati (perché sì, ridurre la pena da 30 a 16 anni è giustificare) per il buon vecchio Delitto D’Onore, che legittima la pazzia (perché sì, uno sconto di pena a un reo confesso che ha strangolato la fidanzata per “tempesta emotiva e passionale” è legittimare). Ebbene, sì. 8 Marzo 2019. Forse abbiamo ancora bisogno di ricordarlo.

Ci sono 8 miliardi di persone al mondo, e ognuna di queste, malgrado ci sia solo una piccola parte che pensi davvero ciò che dice e faccia davvero ciò che pensa, ognuna di queste, avrà l’opportunità di scrivere in modo anche più convincente e ordinato del mio, frasi motivazionali e vanagloriose sulla nostra misera – ancora misera – situazione attuale. Io, per scelta personale, preferisco parlare di due storie che, indipendentemente dall’8 Marzo, raccontano di Femmine: Ipazia e Rita Levi Montalcini. E, ancora più stranamente, non penso sia rilevante parlare dell’odio generato dall’ignoranza, o di ciò che portò alla tragica morte di Ipazia; perché davvero, parlare di chi ha fatto loro del male, di chi continua a fare del male, è un insulto a tutte quelle che hanno vissuto per fare le studiose, non per morire da martiri.

Nessuno sopporta il male per mettersi in mostra; Ipazia, Rita Levi, la gente, lo fa perché c’è qualcosa di più grande da rincorrere. Bisogna avere il coraggio di avere coraggio: sicuramente non l’ho inventata io, non ricordo chi la disse, ma di certo Ipazia ha avuto il coraggio. Dalla matematica alla filosofia, dalla geometria all’astronomia, il vero motore di ricerca che rende una persona affascinante – non è una scusa per giustificare il fatto che alla mia età io non abbia ancora combinato niente nella vita nonostante la buona volontà – è la curiosità straripante, quella che ti porta a chiedere perché concentrarsi su un solo argomento quando c’è così tanto da scoprire. Quella che riduce chi cerca di impedirti di conoscere a una semplice correzione in penna rossa in un compito eccellente: non ci fai caso.

E come Ipazia nel 400 a.C., Rita Levi Montalcini (“L’Umanità è fatta di uomini e donne e deve essere rappresentata da entrambi i sessi”) negli anni ’50 scopre il fattore di accrescimento della fibra nervosa. In una società prevalentemente maschilista, rinuncia alla famiglia e a una normale e comune vita per affermare con una forza più potente di quella fisica, un diritto naturale: essere “Libera Pensatrice” come le ha sempre insegnato suo padre. E il bello di ogni libero pensatore – non di ogni persona che pensa ciò che vuole, ma di un vero libero pensatore – è che riconosce gli altri, e li stima indipendentemente dal colore della pelle, dagli organi genitali, dalla religione, e da qualsiasi barriera psicologica suggerita dalla paura di ciò che non si conosce.

Rita Levi Montalcini e Ipazia sono due donne in mezzo a miliardi di altre. Sono donne in una società – a dire il vero Due società, con un immenso intervallo di tempo l’una dall’altra, ed è questa la cosa scoraggiante- in cui essere femmina significa vivere in modo passivo la vita, essere nient’altro che una variante del punto di vista dell’uomo. Eppure, vengono ricordate non per la società in cui vivevano, ma per l’Aerometro, l’Astrolabio piatto, la filosofia, il Premio Nobel per la scoperta dell’NGF. E come loro Giovanna D’Arco, Margherita Hack, Virginia Woolf, Malala Yousafzai.

Come tutte loro, attraverso tutte loro, noi non festeggiamo, ma ricordiamo e andiamo avanti, l’8 Marzo 2019, sperando che almeno nel 2020 ci siano solo omicidi, non si gioisca con così tanto entusiasmo per il permesso di guida in Arabia, se poi non ci si può nemmeno rivolgere al cameriere di un locale senza la presenza di un uomo; sperando che uscire in minigonna non debba essere motivo di ansia e perenne vigilanza.

Insomma, sperando che, almeno nel 2020, non ci sia più bisogno di un 8 Marzo per ritrovare la forza di continuare a cambiare le cose.

Elettra Dòmini


Scopri il percorso tematico Donne su Giovani Reporter

Ti potrebbero interessare
Opinione

Contro l'odio che avanza

OpinionePolitica

Vox Italia – Valori di destra, idee di sinistra

OpinionePolitica

Leopolda 10 – Italiaventinove

Opinione

Saviano e la cocaina legale – Un'overdose di follia